Come diventare un hacker da zero

Premettiamo che un hacker non è una persona che commette dei reati informatici, come detto su come si diventa un hacker, il cracker è la persona che usa le tecniche per commettere reati di varia natura nel mondo digitale.

L’hacker informatico professionista usa le sue conoscenze per rilevare le falle di sicurezza(vulnerabilità) all’interno di una rete o dei sistemi al fine di renderli più sicuri. L’attività svolta dall’hacker professionista viene detta hacking, qui ti mostro partendo da zero quale percorso intraprendere se sei inesperto e quindi vuoi partire dalle basi per aspirare a essere un hacker. Se vuoi un ulteriore approfondimento puoi iscriverti al nostro corso hacker.

Studia il computer e i dispositivi

Quando un hacker vuole definirsi professionista, deve studiare i computer e i dispositivi in generale, deve sapere quali sono i componenti fondamentali di un computer, infatti i programmi si appoggiano ai componenti del computer per funzionare, un hacker deve avere in mente una struttura base.

Dopo che avrai imparato quali sono i componenti fondamentali di un computer e come lavorano, ti consiglio di imparare l’assembly. L’assembly è il linguaggio a livello macchina che più si avvicina al computer, questo linguaggio ti obbliga a capire i meccanismi profondi che si trovano dietro l’esecuzione di un programma(processo in esecuzione) e come esso interagisce con i componenti fondamentali del pc(cpu, disco, ram, bus).

Quando un hacker inizia lo studio di un programma attraverso tecniche di reverse engineering, accederà al codice sorgente del software che sta analizzando, se l’hacker non conosce nessun linguaggio di programmazione, non gli sarà possibile fare le tecniche di ingegneria inversa. Come ti dicevo i linguaggi più conosciuti sono C/C++ e Assembly per questo tipo di attività, poi potrai usare linguaggi più flessibili come il Perl e il Python per crearti delle utility per le attività di hacking.

Usa la riga di comando

Per diventare hacker professionista partendo da zero, devi assolutamente sapere come si usa la riga di comando su Windows e Linux, per quanto riguarda MacOS non preoccuparti, la maggior parte dei comandi che trovi su MacOS gli avrai già studiati su Linux, infatti MacOS è basato su Unix.

Dunque dalla riga di comando avrai l’opportunità di provare la maggior parte dei programmi usati dagli hacker per analizzare la rete alla ricerca di informazioni utili per migliorare la sicurezza informatica dei sistemi.

Nel mondo degli hacker esiste una buona dimestichezza da questo punto di vista, infatti se effettui degli attacchi remoti, difficilmente su un sistema operativo accederai tramite l’interfaccia grafica, in alcune circostanze sarai costretto a usare la riga di comando. Quindi per essere un buon hacker inizia a studiare Linux e Windows con la riga di comando. La maggior parte delle utility che userai saranno costruite lanciando dei comandi dalla shell o dal dos del sistema operativo.

Studia le reti informatiche

Le reti informatiche sono formate da diversi dispositivi che svolgono delle funzioni differenti, ogni dispositivo può svolgere una attività passiva o attiva sulle informazioni che transitano all’interno o all’esterno della rete informatica.

Gli hacker sono soliti studiare i seguenti dispositivi all’inizio:

  • Router: il router consente di collegare 2 o più reti tra di loro in modo da consentirne la comunicazione.
  • Switch: Uno switch distribuisce le informazioni all’interno di una rete quando un dispositivo vuole comunicare con un altro dispositivo.
  • Firewall: è un filtro della rete, può essere un modulo di un router oppure un dispositivo dedicato, in base al traffico decide quale regole di sicurezza applicare, le regole sono stabilite dal sistemista.
  • Modem: Si occupa della modulazione e demodulazione del segnale, era
  • Fxs: Trasforma una linea digitale in linea analogica nel mondo della fonia.
  • Fxo: Trasforma una linea analogia in digitale nel mondo della fonia.

Nel mondo degli hacker per essere un professionista, devi imparare i protocolli di rete e il modello ISO/OSI che definisce gli strati di comunicazione della rete. Molti attacchi nel passato si sono basati sulla manipolazione del traffico di rete al fine di ottenere un accesso remoto.

Impara la programmazione

Sviluppare programmi è un ottima soluzione quando parti da zero, infatti per essere un hacker professionista devi sapere come funzionano le logiche di un programma, questo ti consentirà di fare un buon hacking, capirai come fare il debug di applicazioni per manipolarle e capire quali sono i punti deboli su cui devi lavorare.

Con lo sviluppo dei programmi sarai in grado di costruire le utility di cui hai bisogno quando non riuscirai a trovarle su internet, imparare a programmare è dunque vitale per un hacker, in questo modo non ti troverai bloccato in alcune circostanze.

Quindi imparare a programmare si traduce in una flessibilità che acquisisce un hacker per adattarsi in diversi contesti di sicurezza, pensa a qualche richiesta particolare di un cliente, magari un cliente quando vede un download di 100mb in 5 minuti vuole una email, questa funzione non è inclusa da nessuna parte, come faresti? se sai programmare puoi risolvere tranquillamente un problema del genere.

I linguaggi di programmazione che dovrai acquisire cono il C/C++, Assembly, Perl e Python.

Essere anonimo

Non sto parlando di Anonymous, nel mondo degli hacker è risaputo che le tracce devono essere cancellate per non diventare rintracciabili in qualche modo, ci saranno delle circostanze in cui non dovrai lasciare tracce, anche solo per delle operazioni di test della rete di un cliente per vedere quanto robusti sono i suoi sistemi di sicurezza.

Inutile dirti che per diventare anonimo nella rete devi sfruttare metodi come i server proxy oppure le vpn protette come tor.

Ricordati di non testare mai le tecniche di hacking verso sistemi o persone per cui non sei autorizzato a farlo. Se devi fare dei test da un cliente, fai firmare un foglio.

Sfrutta l’ingegneria sociale

Per diventare un bravo hacker, devi sfruttare l’ingegneria sociale, ovvero devi convincere le persone a farti dare delle informazioni di cui hai bisogno fingendoti di essere qualcun altro.

Kevin David Mitnick è stato un maestro a fare questo, infatti ha scritto un libro a riguardo, Kevin è stato uno dei migliori hacker di sempre e ha violato le reti informatiche di grosse aziende come la motorola

Perchè viene usata l’ingegneria sociale? Ci sono delle situazioni in cui alcune reti diventano inviolabili, oppure l’attività di hacking può richiedere molto tempo, quindi dovrai sfruttare questa tecnica per avere le informazioni di cui hai bisogno, inoltre diventa un buon metodo per addestrare un aziende sulla sicurezza informatica e metterla al corrente di questo tipo di pericolo.

Diventa organizzato e metodico

Se vuoi davvero diventare un bravo hacker partendo da zero, allora devi abituarti fin da subito a diventare un hacker organizzato e metodico, ogni volta che studierai una rete, stendi una mappa, fai un elenco dei dispositivi e dei servizi che quella rete contiene.

Essere organizzato ti aiuta nel processo di analisi e valutazione dei sistemi informatici nel campo della sicurezza, ma non solo, ti aiuta anche a intervenire velocemente e in maniera efficace in caso di problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *